Eclipse Phase home page

mercoledì 25 dicembre 2013

KNOW EVIL: Ultima Fermata, parte 2

Know Evil è stata scritta da Caleb Stokes (Hebanon Games è il suo blog).
Potete trovare la versione originale della campagna su Role Playing Public Radio

Striker smise di rileggere l'ultimo rapporto del "Corvo", Yelena Chikako.
In quel messaggio, la spia del Firewall citava uno caso di sordità improvvisa da parte di uno psicologo della Cognite. Purtroppo né lui né Yelena avevano dato la dovuta importanza a quello strano evento. "Modifiche comportamentali dell'Ego", questo era il nome del progetto su cui la stazione stava lavorando ma c'era il sospetto che su Thought si occupassero di altro e il rapporto della squadra di recupero confermava tale sospetto.
La Musa comunicò a Striker che aveva finito il riassunto dei dati XP della squadra Gerlach.
Striker aveva già vissuto gli XP di tutte e 4 le Sentinelle inviate su Thought, iniziando da Delirio che riteneva l'anello debole del gruppo, in questa missione. Il Router aveva insistito perché il Soggetto Delta entrasse nel Firewall e i rapporti dicevano che le onde asincrone del suo cervello erano "sufficientemente stabili". Nonostante l'ordine del Router, Striker considerava l'invio di una Lost, proprio su quella stazione della Cognite, una pessima idea.
La registrazione XP partì e i sensi del Proxy vennero sovrascritti dai dati registrati.
Le Sentinelle trovarono su Thought una situazione ben diversa da quanto aspettato e molto, molto più preoccupante. Sulla stazione erano tutti morti e gli ego erano rimasti imprigionati all'interno dei morph, in un inferno di privazioni sensoriali.
 
A causa della privazione sensoriale, gli ego sono tutti impazziti

Jyrky e Morgan, dopo lo shock iniziale, si concentrano sulla missione e individuano la postazione di lavoro di Yelena. Questa si trova nel laboratorio A di psicochirurgia, di fronte alla stanza dove si è nascosta l'ultima superstite del personale Cognite.
Jyrky e Morgan si spostano dall'area di svago al laboratorio A.
Al di là della porta trovano una chiazza di DMSO (Dimetilsolfossido) contenente un nano virus sconosciuto che si sta auto distruggendo.
Sembra che il DMSO coli sul pavimento da un pannello comandi. Jyrky entra erroneamente a contatto con il liquido e non è chiaro se la tuta spaziale lo abbia protetto
(Musa, fai svolgere ulteriori controlli sul morph di Katainen).
Morgan e Jyrky riescono a parlare con la superstite, la dottoressa Keller. Il tatto e l'udito della donna sono completamente andati e la vista si sta affievolendo con il passare dei minuti.

“Non posso muovermi da qui, è l’ultimo giorno. Siete della squadra di recupero, vero? Andatevene finché potete o il virus infetterà anche voi. Non c’è dubbio che sia stato un virus ma non ho capito quale sia il suo vettore. C’è stato un deterioramento su vasta scala e tutti i backup sono risultati corrotti. E’ successo in poche ore e la stazione è stata messa in quarantena. Il processo non si ferma. Ho provato a isolare e analizzare il virus ma ho trovato solo poche tracce., si autodistrugge quando finisce il suo lavoro. Cazzo, non sento più la mia voce e non sento nulla con il tatto. Non ho dei campioni del virus, non sono riuscita a isolarlo. L’unico campione attivo è dentro di me ma voi avete interrotto il contenimento! No, dovete aiutarmi, dovete uccidermi, non c’è altra soluzione!”

Le Sentinelle decidono di mantenere in vita la Keller affinché sia possibile analizzare successivamente il virus. Nel laboratorio la donna ha raccolto numerose pile corticali, campioni di feci, urine e di DMSO. Pare abbia svolto delle ricerche sul virus, ipotizzando vari tempi di incubazione, ma senza risultati utili. La dottoressa si lascia sfuggire che Augustine, la IA che controllava la stazione, ha deciso di cancellarsi.
(Musa, invia questa parte al Router)
Due dettagli colpiscono le Sentinelle. La Keller ha connesso i cyber cervelli di alcuni case morph a degli ecto (computer portatili) e successivamente questi ecto al proprio ego, creando un collegamento improvvisato di ego, simile come idea all'innesto Ipermesh usato dai Sinergisti.
Morgan trova su una lavagna elettronica una foto dei sensori esterni della stazione, scattata 5 giorni prima. L'immagine riporta un danno superficiale alla carlinga della stazione
Un'ispezione successiva svolta da Philomel, usando il robot V.I.N.Cent, individua uno strano foro di 15cm di diametro. Il foro è di forma conica e profondo circa 10cm, abbastanza da danneggiare la paratia esterna ma non da creare una falla. A due lati opposti del buco ci sono due ulteriori fori di 1cm di diametro e profondi 1cm.
La riproduzione del XP continua e sposta l'azione dal punto di vista di Philomel.
Il delfino riesce a superare la barriera di killer satellite e a raggiungere Thought. Quando si trova a soli 30km di distanza, vede la The 3² Chance staccarsi di prepotenza dalla stazione di attracco a causa dell'esplosione del portellone principale, e volteggiare fuori controllo sul proprio asse.
Delirio, dopo aver passato tutto il viaggio in preda ad allucinazioni sul suo passato, si calma e permette a Philomel di recuperare il pilota della nave, Viktor.
Delirio (il Soggetto Delta) ha avuto un'adolescenza difficile
Il neo corvo informa le Sentinelle che Lee, l'ego hunter a bordo del The 3² Chance, ha fatto saltare il portellone ed è entrato a Thought insieme a Bud e Julien. Il quarto passeggero, Stephen, è morto a causa della depressurizzazione dello scafo. Delirio convince il pilota della Vacation Solution Limited a confessare che non ha mai riportato indietro alcun volontario da Thought. E' capitato però, a più riprese, che un programmatore della Cognite consegnasse una scatola da riportare direttamente a Lam Cong Dung, capa della V.S.L. e dei Nine Lives su Gerlach.
Lo stesso programmatore, una volta, si è lasciato sfuggire che la scatola proteggesse un hard drive.
Viktor ha fatto dei viaggi verso Thought per riconsegnare la stessa scatola.
Philomel decide di attraccare alla stazione toroidale.

Il filmato Xp si sposta su Jyrky. Questi ha trovato la postazione di lavoro di Yelena e riesce ad accedervi. Purtroppo non trova nulla di interessante, tranne una mail indirizzata a Fjalar Stefansson, un Neo Sinergista di Octavia. Nella mail la Chikako mostra interesse verso l'innesto Ipermesh e la condivisione degli ego. Il Corvo del Firewall probabilmente usava un altro computer per fare rapporto al Firewall ma di cui non ce n'è traccia.
Jyrky e Morgan procedono poi verso la struttura di ego trasmissione, dove trovano una vera carneficina. Con il diffondersi dell'infezione, la sicurezza ha interdetto tutta la struttura al personale e due grossi androidi, armati di fucili a impulsi, hanno ucciso chiunque cercasse di avvicinarsi.
Tra i numerosi corpi, le Sentinelle identificano Yelena e recuperano la sua pila corticale.
(Ben fatto, Sentinelle)
I due continuano l'esplorazione e arrivano al portellone che conduce al laboratorio B. Questo è bloccato e da un oblò si vede uno dei grossi robot della sicurezza, con i sensori ancora attivi, stazionare di fronte alla porta. Alle spalle del robot c'è uno Scum dagli occhi spiritati. Sorride alle Sentinelle e mostra loro una granata, prima di voltarsi e dirigersi verso l'interno del laboratorio.

Nel frattempo Delirio e Philomel, al comando di un Guardian Angel, sono entrati nella stazione di attracco, dove trovano il corpo fatto a pezzi di Julien, una dei passeggeri dell'Amnesia Express.
Le due Sentinelle non si lasciano impressionare e si dirigono alla caffetteria. Qui, mentre stazionano di fronte ai fabbricatori di vivande, vengono attaccate da Bud. L'uomo, un LOST dotato di poteri mentali e armato di ascia, è pericoloso e completamente folle. Le Sentinelle lo crivellano di colpi, devastando anche un paio di distributori a nano macchine.
Durante lo scontro, le loro Muse fanno appena in tempo a individuare un segnale radio nelle vicinanze, segnale che ha smesso di trasmettere con la morte dell'Asincrono.
Delirio, mentre ricarica la sua SMG, ricerca l'elenco delle navi che hanno attraccato a Thought negli ultimi mesi. Trova così che uno shuttle sconosciuto ha attraccato 3 giorni fa e ha poi lasciato la stazione, con meta ignota.
Quello che però preoccupa maggiormente il Proxy è l'altro shuttle che ha visitato Thought, il Dharma, appartenente alla Sorveglianza del Consorzio Planetario.
Il Dharma ha attraccato ben due volte:
Quattro mesi fa la prima visita, subito prima che la Cognite assumesse nuovo personale per Thought e un mese prima che Yelena salisse a bordo e inviasse il suo backup corrotto.
La visita successiva venne fatta solo 2 settimane fa, quando su Thought il fantomatico virus aveva già infettato tutti e alcuni membri erano già morti, una settimana prima che il Firewall iniziasse a lavorare sul restore di Chikako.
Dai dati raccolti, il Dharma ha lasciato Thought con destinazione Parvarti.

Il Proxy ferma la riproduzione.
Fino a che punto la Sorveglianza è coinvolta? E i Neo Sinergisti?
Cosa consegnava la Cognite a Lam Cong Dung?
Da dove è arrivato il nano virus e come funziona?
A cosa sta lavorando realmente la Cognite?
La IA Augustine si è realmente cancellata dall'intero sistema?
Cosa ha causato quel buco nella zona dei sensori esterni di Thought?
La missione si stava complicando con il passare dei minuti...

lunedì 16 dicembre 2013

Nine Lives

Il materiale qui citato proviene dal manuale base di Eclipse Phase della Posthuman Studios, LLC

messaggio ricevuto da: Blackvein.the.uplifted@gmail.com

Le principali organizzazioni criminali sono: la vasta ma frammentata Triade, la Night Cartel nata dai resti di mafia italiana e russa, la IDCrew specializzata nella creazione di false identità, e la più stronza di tutte, la Nine Lives.
Ora, con quale vai a incasinarti tu? Con quella più stronza!
La loro stazione principale è Legba, nella fascia di asteroidi che segna il confine tra sistema interno ed esterno.
Faccio parte del Night Cartel e di certo non siamo dei santi ma la Nine Lives è molto peggio. Questi si occupano di acquisire, commerciare e trafficare in transumani. La loro attività principale è il traffico di ego: rapimenti di biforcazioni, uploading forzato, furti di backup e cose di questo tipo.
La Nine Lives è famosa per affari tipo colonie illegali di schiavi infomorph e per l'organizzazione di combattimenti nelle arene, utilizzando una gran varietà di morph fisici (bio morph, sintetici e animali) in cui mettono qualsiasi tipo di ego (umani, IA, animali ecc..). Solo i più disperati si rivolgono a questa banda per essere contrabbandati fuori da colonie o per uscire da contratti con Ipercorporazioni.
La loro ferocia nell'acquisire ego gli ha fatto guadagnare una reputazione spaventosa tra la popolazione transumana e la società infomorph.
Se vuoi un consiglio, non metterti sulla loro strada.
Ciao

Blackvein,
Tiene il becco chiuso

lunedì 9 dicembre 2013

KNOW EVIL: Ultima Fermata, parte 1

Know Evil è stata scritta da Caleb Stokes (link a Hebanon Games, il suo blog).
Potete trovare la versione originale della campagna su Role Playing Public Radio
"E così vuoi sentire una storia? Ah, quella storia? Sono passati molti anni oramai ma ricordo ancora come è iniziato tutto.
Lascia che ci portino un paio di Phaelan's Ma e avrai il tuo racconto."

Gerlach
Tipo di stazione: Cilindro di O'Neill

Orbita di Venere


Un mese dopo gli eventi che hanno assicurato l'indipendenza di Parvarti, un nuovo messaggio di Striker raggiunge le Sentinelle. L'incontro avrà luogo in un cantiere altamente automatizzato per la produzione di astronavi.


Immagine tratta da Deviant Art, ©: http://andreewallin.deviantart.com/

"Ovviamente entrammo dalla porta principale. Phil era con noi e non puoi passare inosservato nel sistema interno se sei accompagnato da un delfino, avresti più fortuna nel convincere il Consortium a rinunciare a quell'idiozia dell'IP. Credimi, parlo per esperienza.

Striker aveva preparato un angolino tutto per noi: VPN altamente criptato, accesso attraverso icona interattiva in forma di bevanda, tutto il dannato pacchetto della spia modello."


Il VPN carica senza preavviso nei Pg le immagini di un Xp: in una centrale di rivestimento sconosciuta, un gruppo di tecnici di laboratorio cerca senza successo di recuperare un Ego in backup caricandolo in diversi tipi di morph. Le macchine danno luce verde su tutti i parametri ma dai corpi non ci sono reazioni: i collegamenti sensoriali tra Ego e morph sono assenti. Chiunque sia il paziente è bloccato nella sua mente senza via d'uscita. Il video avanza veloce, dopo una settimana di fallimenti viene decisa una procedura d'emergenza: caricare brutalmente l'Ego su un'architettura modello, usarla per completare i dati mancanti e stabilire un contatto.

Al termine dell'operazione il case scelto per il nuovo upload lancia un terrificante urlo sintetico e inizia a muoversi scompostamente. Non appena il tecnico che fornisce l'Xp si avvicina per controllare, viene aggredito dal paziente che gli cava brutalmente gli occhi bloccando il video.


"Delirio e Morgan non avevano ancora finito di vomitare la colazione che il Proxy ci appare nel corpo di una bella biondina con una voce da minatore tisico. Al bastardo sono sempre piaciuti questi scherzi."



La clinica del video è controllata direttamente dal Firewall e il paziente è Yelena Chikako, un Corvo del Firewall infiltrata sulla stazione di Thought, base e centro di ricerca sperimentale della Cognite.

Yelena è sparita da oltre un mese ed il suo ultimo backup è arrivato corrotto. I Pg devono recarsi su Thought, mettersi in contatto con Yelena e fornirle una via d'uscita se necessario. Nel frattempo verranno effettuati dei controlli per assicurarsi che la centrale Firewall non sia stata compromessa.


"Spero che tu riesca ad apprezzare la situazione: ci venne chiesto di infiltrarci in una delle stazioni più sicure di Venere, senza avere il tempo di prepararci o creare un nuovo backup e con la quasi certezza che le nostre copie custodite dal Firewall fossero già fottute. Un viaggio di sola andata, e per chi non fosse stato abbastanza attento o solo fortunato, la Vera Morte."


Thought non ha un farcaster, tutte le comunicazioni avvengono tramite le navette dell'Amnesia Express. Rapide ricerche nel Mesh e la richiesta di un paio di favori da parte di Morgan ci portano a scoprire che l'Amnesia Express è una controllata della Vacation Solutions Limited, proprietà di Lang Kung Dung, capo dei Nine Lives su Gerlach. Lo shuttle "32 Chances" è in partenza fra sei ore con a bordo un carico di volontari: i disperati che non possono permettersi della psicochirurgia decente possono offrirsi alla Cognite come cavie, in cambio ricevono viaggio e terapia a carico della compagnia.


"Delirio era fuori dai giochi, il solo sentire il nome della Cognite l'aveva ridotta ad uno straccio; in compenso Morgan era come al solito carico d'energia, sospetto che avesse un backup privato in qualche stazione su Luna. Il piano era il meglio che fossimo riusciti a organizzare in così poco tempo: Morgan si sarebbe imbarcato come passeggero, postando la notizia su tutti i social network e sperando che il suo po' di notorietà lo avrebbe protetto dai peggiori eccessi della Cognite, Phil e Delirio avrebbero seguito l'Amnesia Express a bordo della nostra navetta. La "Your Mom" doveva avvicinarsi il più possibile al torus di Thought, captare un segnale radio di Morgan e fornire supporto. Io? Io stavo smontando un pannello nella zona cargo della "32 Chances", il glitterato poteva infiltrarsi in qualunque luogo ma non io. E poi non c'erano possibilità che entrassi in quel posto senza portarmi dietro le mie armi e qualche attrezzo utile per uscirne di corsa."


A bordo dello shuttle Morgan incontra Viktor, un corvo uplifted e pilota della navetta, ed i quattro passeggeri: tre folli ed una guardia armata. Una ragazza che parla continuamente per citazioni di vecchi film pre Caduta. Lee, un Ego hunter, incaricato di scortare la sua preda ed incassare una ricompensa; una breve chiacchierata convince Morgan che la guardia non è al soldo dei Nine Lives e che pur non essendo pazzo non si può nemmeno dire che sia normale. Steven, il prigioniero imbavagliato, viene identificato da Elton, la musa di Morgan, come un attivista bioconservatore di una certa fama. Le sue reazioni fanno pensare che non solo sia sano di mente ma anche che sia a bordo della navetta contro la sua volontà. L'ultimo passeggero si chiama Bud una sorta di energumeno che cerca subito d'intimidire la Sentinella. Una strana sensazione, nota per la sua vicinanza a Delirio, porta Morgan a pensare che Bud sia affetto dal virus di Watts-Macleod. Che lui ne sia consapevole è ancora da stabilire.

All'arrivo su Thought lo shuttle rimane diversi minuti in attesa di un contatto da parte delle guardie ma queste non si presentano. Jyrky approfitta della pausa per abbandonare il suo nascondiglio ed entrare nella base dopo aver aperto un portelone di sicurezza.

All'interno della navetta Morgan decide di averne avuto abbastanza e, confidando sulla luce verde data dai sensori di bordo, entra nella stazione lasciando il resto dei passeggeri in attesa.

Dopo essersi incontrato con Jyrky ed aver ottenuto da lui un arma, Morgan lancia uno dei suoi gnatbot in esplorazione lungo il passaggio. La base sembra avere energia ma non si registra alcuna attività da tre settimane e mezzo. Arrivati nella caffetteria i Pg trovano una quindicina di corpi stesi a terra, la maggior parte sono morti d'inedia ma qualcuno resiste ancora. Lo stato catatonico dei corpi ricorda quello dimostrato da Yelena nell'Xp mostrato dal Proxy. Interrogando la Musa di una sopravvissuta le Sentinelle scoprono che il personale della base ha probabilmente percepito che qualcosa non andava appena prima di cedere a qualunque cosa li abbia colpiti. Paranoico come sempre Jyrky decide di riattivare la sua vacc suit finchè non avranno scoperto la causa del problema, intanto Morgan contatta via radio Viktor e lo convince a rimanere attraccato il tempo necessario per esplorare i dintorni e cercare un sopravvissuto.

Inserendosi in un terminale Jyrky scopre che i killsat della stazione sono disattivati e viene dato l'ok alla "Your Mom" per attraccare e portare il resto del gruppo con l'equipaggiamento pesante. Non appena Philomel si avvicina alla stazione l'hacker viene espluso dai sistemi e i killsat tornano in linea.

Viene lanciato un missile ma le acrobazie di Philomel gli impediscono di agganciare la traccia dello shuttle il tempo necessario perchè Jyrky riesca nuovamente a penetrare nel sistema cacciandone brutalmente l'altro operatore.



"Phil stava urlando e fischiando qualcosa nel comunicatore mentre il missile inseguiva la navetta. Non so come ci sia riuscito ma il mio collega è dannatamente bravo nel suo mestiere. Ha guadagnato qualche secondo ingannando con le sue manovre i sensori del killsat, giusto il tempo perchè rientrassi nel sistema e facessi esplodere quell'arnese. Ora ne avevamo la certezza, non eravamo soli."



Grazie ai privilegi d'amministrazione i Pg hanno accesso ai sistemi di sicurezza di Thought scoprendo diversi elementi interessanti: il laboratorio di rivestimento della stazione è stato distrutto; i sensori nel dormitorio rilevano delle voci pur non potendo fornire un contatto video; il Laboratorio B è isolato ma al suo interno vi sono quasi sicuramente due persone; una videocamera nel Laboratorio A è ancora attiva e mostra le immagini di un medico che si muove a tentoni smontando dei case che giacciono ai suoi piedi.



"Non sapevamo cosa ci aspettava e non potevamo nemmeno immaginare come Viktor e i suoi passeggeri avrebbero reagito agli ultimi eventi. Impugnando le armi io e Morgan ci mettemmo in attesa che Phil e Delirio venissero a salvarci da quella trappola."


Immagine tratta da Deviant Art, ©: http://hideyoshi.deviantart.com/

sabato 7 dicembre 2013

Gita a Parvarti

Ho incaricato Eureka di assicurarsi che Blackvein e la Taurus avessero effettivamente coperto le tracce più compromettenti della nostra visita a Parvarti, ma a quanto pare tra tutti sono riusciti a fare un bel lavoro di "editing creativo".

La mia bambina è riuscita comunque a recuperare un paio di immagini interessanti.

Zoomando il videolog di una coppia di turisti in visita da Luna mi sono accorto che hanno casualmente ripreso Fiala O'Donnel e le sue guardie mentre trascinavano Silvestri fuori dal Salo 120. A questo punto della storia il tecnico poteva ancora camminare con le sue gambe.

giovedì 5 dicembre 2013

Cognite

Il materiale qui citato proviene dal manuale base di Eclipse Phase della Posthuman Studios, LLC

messaggio ricevuto da: Jean.Baptiste.Zorg.III@gmail.com

Eccoti le informazioni sulla Cognite che mi hai chiesto:
Principali attività: Scienza cognitiva, Innesti mentali, Psicochirurgia, Nootropi (da wikipedia: sostanze che aumentano le capacità cognitive)Stazioni principali: Thought (orbita di Venere), Phobos (luna di Marte)La Cognite è una Ipercorporazione conosciutissima ed è un membro chiave del Consorzio Planetario. Questa Ipercorporazione è pioniere nel campo della scienza cognitiva ed è la maggior produttrice di Muse. E' all'avanguardia nel comprendere la mente transumana ed è molto conosciuta per gli innesti mentali e per aver creato il modello originale del morph Menton. A proposito, ti piace il mio nuovo Exalt?
Dicevo, l'immagine elitaria e distaccata della Cognite non venne aiutata dallo scandalo riguardo il loro coinvolgimento nel progetto "Lost Generation". Ci sono inoltre voci che li vedrebbero coinvolti in ricerche riguardo attacchi con input incapacitanti, armi simili a quelle utilizzate dai TITAN. Queste voci però sono sicuramente delle invenzioni degli anarchici, ci scommetto 1000 Crediti.
Se vuoi sapere di più sulla Lost Generation, dovresti far richiesta a qualche contatto dentro la Research Network Associates, io mi occupo di affari e Ipercorp.
Da quel poco che so, pare che il progetto Lost Generation comprendesse la crescita di ego infantili in ambienti virtuali a velocità aumentata. I bimbi avevano come mentori delle IA e, una volta giunti a un'età matura, avrebbero avuto in dotazione un morph sperimentale, il famoso modello Futura.
Il progetto si rivelò un fallimento. I bambini non avevano nè morale nè il concetto di male e bene. Il risultato fu un gruppo di folli sadici e autolesionisti che causarono non pochi problemi all'interno dei laboratori. Se chiedi agli anarchici, ti diranno sicuramente che è stata utilizzata della tecnologie TITAN che ha reso folli i bambini ma li ha dotati del potere di condizionare le menti altrui.
Quello che è certo è che i Lost vennero eliminati ma pare che qualcuno si sia salvato. Trovo che il Futura sia un bel modello di morph ma è fuori produzione da anni. Ci sono dei facoltosi membri dell'elitè del sistema interno disposti a fare follie per ottenere un Futura, nel caso te ne capitasse uno tra le mani.
Ora ti saluto, l'indEx di borsa oggi è instabile.

Cordiali saluti
J.B. Zorg III
Head Trader at Indured Brokerage Corporation
Valles - New Shanghai
Marte

martedì 3 dicembre 2013

elenco figure di rilievo nel blog

Questo messaggio è indirizzato ai giocatori.
Da questo momento, utilizzerò dei profili costruiti ad hoc per rispondere a delle ricerche, commentare quello che accade ai vostri personaggi o per intervenire nelle discussioni.
Se volete comunicare personalmente con loro, potete inviargli una mail (non sono mail fasulle!!) e mettere la mia mail di gmail in Cc.

I personaggi che utilizzerò sono i seguenti:

Striker: è il vostro proxy. Userò questa utenza amministrativa per inserire post generici, resoconti delle missioni o post che non appartengono a nessuna categoria specifica. Striker sarà rappresentato dal comandante Straker. In realtà non avete mai visto il vostro Proxy di persona e cambia avatar ogni volta che vi contatta.

Blackvein: è un uplifted neo avian che risiede sulla città aerostato di Parvarti. Blackvein è un membro di rilievo del Nigh Cartel ed è un trafficante di informazioni molto, molto caro. Se vi servono delle info sulla rete Guanxi dei criminali o sulla Neo Ecologist riguardo gli uplifted o Venere, chiedete a Blackvein

Jean Baptiste Zorg III: mondano ipercorporativo, lavora come broker della Indured Brokerage Corporation su Marte. E' il contatto dei network Ipercorp e Media ma può darvi qualche informazione anche sugli habitat della Luna e di Marte. Per lui gli affari e la bella vita sono tutto e non si fa' scrupoli a guadagnare sugli Infomorph a contratto.

Nuke Girl: anarchica scum, vive in una chiatta a zonzo nel sistema solare. La sua flottiglia si chiama "Figata Spaziale" e traffica in software e droghe. E' il vostro contatto negli anarchici ma può fornirvi delle informazioni riguardo i traffici loschi delle Ipercorporazioni.

Tech.Helper.AI: è una A.G.I. che preferisce essere chiamata Richie Adler. Se vi serve un'informazione riguardo neo ecologisti, reclamatori, gli habitat in orbita terrestre o varie materie scientifiche, Richie vi potrà aiutare. E' una AGI che sta svolgendo delle ricerche nello sviluppo di una nano technologia utile in  una terraformazione più rispettosa per l'ambiente.

Eliza Cassan: Eliza non è un vostro contatto ma è il volto conosciutissimo della Picus TV, il canale di informazione della Experia Ipercorp. Eliza non sarà contattabile via mail ma potrete commentare le sue notizie. Rappresenta ciò che il pubblico verrà a sapere su quello che accadrà in base alle vostre azioni. Occhio, al Firewall non piace farsi pubblicità.
Ciao

giovedì 28 novembre 2013

KNOW EVIL

Sta per iniziare la campagna chiamata Know Evil, versione italiana
Know Evil è una campagna per Eclipse Phase ideata da Caleb Stokes (link a Hebanon Games, il suo blog).
Potete trovare la versione originale della campagna su Role Playing Public Radio
(attenzione, i riassunti dei singoli episodi contengono degli spoilers)






lunedì 25 novembre 2013

Bump in the Night, resoconto n.2

Questo è il resoconto della seconda sessione di gioco di Bump in the Night, un'avventura della Posthuman Studios per Eclipse Phase.

I PG decidono di dividersi per poter seguire più piste possibili nel poco tempo rimasto.
Morgan e Jyrky si dirigono verso un casinò gestito dal Night Cartel, sperando di inchiodare Silvestri. Purtroppo l'uomo è controllato a vista e per poco i personaggi non si trovano faccia a faccia con le pistole della mala.
Delirio riesce e mettersi in contatto con Blackvein e, nonostante i suoi poteri mentali non riescano a influenzare il corvo uplifted, riesce a convincerlo a fare un patto e a sapere la verità sulle persone scomparse.
Philomel, nel frattempo, non riesce a entrare nella body bank usando un sotterfugio e così cerca di accedervi dall'esterno. Riesce a resistere all'atmosfera di Venere ma il suo disperato tentativo viene fermato in tempo dalle notizie giunte dai suoi compagni.

Le 4 sentinelle, con l'aiuto della Taurus Corporation, riescono a fermare i criminali e a raccogliere le prove necessarie per mostrare al Consorzio Planetario e alla Costellazione di Morningstar che Parvarti è, e resterà, una colonia indipendente.

I personaggi riescono inoltre a restare in buoni rapporti con Blackvein che, probabilmente, si rivelerà un ottimo contatto nel network Guanxi.
Fine della missione

mercoledì 20 novembre 2013

Morgan Stardust: Intervista con la Star

Intervistare una (sedicente?) cyblogstar non è mai un'impresa facile, ma trovarsi di fronte a Morgan Stardust è qualcosa che va al di là della transumana sopportazione.
Borioso, saccente e autoreferenziale, sembra sempre comportarsi come se stesse recitando in un oloteatro e si aspettasse da un momento all'altro uno scrosciante applauso per le sue sagaci arguzie.
Ci incontriamo a casa sua, un elegante appartamento in stile neo-maximal figurativo dove ogni singolo oggetto di arredamento sembra essere uscito dai peggiori incubi di un designer minimalista. Morgan mi riceve seduto sul suo trono dorato, con aria leggermente annoiata.



[Giornalista] Iniziamo dal suo nome così originale. Da dove viene fuori Morgan? E' il suo vero nome?

[Morgan Stardust] E' il nome che ho scelto io di avere, quindi posso dire a ragion veduta che si tratta del mio Vero Nome, quello che più di ogni altro riflette la mia essenza. Nell'antichità era il nome di un pirata, e anche quello di una divinità femminile. Un nome contemporaneamente maschile e femminile, aria e acqua, mutevole, instabile, incredibilmente affascinante. Non sente come la lingua accarezza il palato mentro lo pronuncia? Non è irresistibile?

[Giornalista] Credo di poter resistere, al momento. Si sa pochissimo delle sue origini, vorrebbe gentilmente raccontarci qualcosa della sua infanzia? Dove è nato, dove è cresciuto, chi erano i suoi genitori...

[Morgan Stardust] La mia infanzia... l'infanzia... vediamo... sono nato sulla Terra, lo sa? In quella che un tempo veniva chiamata "Italia". Un posto meraviglioso, dove l'eleganza e lo stile erano una necessità esistenziale, prima ancora che un segno di distinzione. I miei genitori avevano fatto riadattare un antico edificio in pietra bianca, un tempo usato come sede di spettacoli con umani ed animali, e l'avevano trasformato in una abitazione davvero originale e sorprendente. Facevano spesso feste con i loro amici, ero costantemente circondato dalla loro attenzione. A quattro anni iniziavo già ad esibirmi sul palco cantando e recitando. Disegnavo io stesso i miei costumi, ricevendo elogi continui.
Ma quello che può sembrare un paradiso ad un bambino diventa un inferno per un adolescente, soprattutto se brillante ed originale come me, così ho lasciato casa a 13 anni, fuggendo di nascosto, perché quella luccicante borghesia aveva iniziato a strangolarmi con i suoi osceni tentacoli di perbenismo.
Ho abbandonato tutto lo sfarzo, la ricchezza, per diventare finalmente me stesso. O forse me stessa?
Nella solitudine della mia fuga ho imparato a conoscere i più profondi abissi dell'abiezione umana, così come le vette più estatiche del sublime. Quello che voi vedete quando mi guardate non è che il pallido ed opaco riflesso della mia interiorità.

[Giornalista] Ci racconti di quella volta in cui fu eletto reginetta di un concorso di bellezza.

[Morgan Stardust] Oh, quella volta (ride, si copre la bocca con un vezzoso gesto della mano). E' stato molto tempo fa, su Elysium. Avevo solo 12 anni, ma mi rendevo già conto di essere in qualche modo speciale, per il modo in cui attiravo gli sguardi delle persone che incontravo. Mi capitava spesso di ricevere offerte sessuali da persone di entrambi i sessi, che declinavo con gentilezza ma fermezza. Purtroppo i miei genitori erano terribilmente indigenti, quel tipo di persona di buon cuore ma senza mezzi finanziari per sostenere le mie ambizioni, così mi venne l'idea di partecipare a quel concorso. Avevo alcuni amici in grado di fornirmi una falsa identità, e quindi mi presentai con il nome di Morgana Bowie. Le altre partecipanti erano tutte delle orrende barsomiane, rozza come.. come... come dei barsomiani, ecco.
E' stato un episodio divertente, e con i soldi guadagnati mi comperai il mio primo sintomodulatore quantico.

[Giornalista] Signor Morgan, lei ci ha detto di essere nato e cresciuto sulla Terra, da una famiglia benestante, e di essere scappato di casa a 13 anni. Giusto?

[Morgan Stardust] Sì, è esatto.

[Giornalista] E ci ha anche raccontato di essere cresciuto su Marte, figlio di due genitori poveri.

[Morgan Stardust] Sì, è corretto.

[Giornalista] Spero che si renda conto del fatto che le due versioni sono del tutto incompatibili. Perché ci sta prendendo in giro?

[Morgan Stardust] Perché entrambe le versioni sono vere. Perché entrambe fanno parte di me. Perché ho raccontato tante versioni diverse della mia vita da non riuscire più a ricordare quali fossero reali e quali invece semplicemente inventate o riadattate. Sono cose che succedono, quando si gioca troppo spesso con le droghe dei petali. La mente si confonde, diventa plastica e duttile. Che importanza può avere per lei sapere se sono mai stato fisicamente in un posto o nell'altro? Ho vissuto quelle esperienze con un'intensità che le rende Vere tanto quanto questa nostra chiacchierata. Faccia attenzione: io non mi aspetto che lei, con il suo sguardo bovino e le sue mani tozze, possa riuscire a cogliere certe sfumature dell'esistenza. Però mi rallegro all'idea che qualcuno dei suoi lettori possa riuscire ad arrivare là dove lei non può vedere.

[Giornalista] Le ricordo che IO sono un affermato giornalista, mentre LEI è solo una sottospecie di omosessuale drogato che passa da un fallimento artistico all'altro, sopravvivendo solo grazie alle spintarelle dei suoi ricchi amanti. O vuole negare che questa sia la verità? Vuole che scriva qualcuno dei loro nomi, nel mio articolo?

[Morgan Stardust] Oh, guardi (si accarezza con una mano i lunghi capelli tigrati), faccia come crede, la cosa non mi riguarda. La "realtà", la "verità", sono dei concetti così banali, così noiosi. La noia, quel mostro orrendo che vorrebbe con un solo sbadiglio inghiottire il mondo... A chi interessano certe cose? Pensa forse che a qualcuno interessi davvero sapere se lei ha davvero abusato di quel bambino di sei anni, su Marte, o se si è trattato solo di un'esperienza simulata?"

[Giornalista] Io... io... non... cioé.....

[Morgan Stardust] Oh, su, non faccia così, abbiamo tutti i nostri vizietti. E lei non è l'unica persona al mondo con degli amici a cui piace racconatare pettegolezzi. Certe cose si vengono a sapere, prima o poi. Tornando alla nostra intervista, ha altre domande da farmi?

[Giornalista] Io... era... voglio dire.... no, non ho altre domande.

[Morgan Stardust] Molto bene. La mia Musa le fornirà una scheda completa con le notizie sulla mia carriera artistica e una selezione di foto. Sono certo che l'articolo saprà mettere nella giusta luce le mie doti. Posso contarci?

[Giornalista] Io... ehr.. sì, certo, può contarci.

[Morgan Stardust] Allora arrivederci, eh. Stia bene. E sorrida, che la vita è un'avventura affascinante, e così divertente, se presa dal lato giusto...

martedì 19 novembre 2013

Bump in the Night

Questo è il resoconto della prima sessione di gioco di Bump in the Night, un'avventura della Posthuman Studios per Eclipse Phase.

Un gruppo di sentinelle (Delirio Banfi, Morgan, Jyrky Katainen e Philomel) vengono inviati via darkcasting su Parvarti, una città aerostato di Venere, che pare abbia chiuso tutte le normali via di accesso e comunicazione.
Le poche trasmissioni quantiche che hanno superato il blocco, parlano della scomparsa di una dozzina di persone nell'ultima settimana.
I personaggi vengono rivestiti in morph e dotati di una identità falsa dalla IdCrew e subito scoprono che il loro contatto, Dwala Chatterjee, una dipendente della Taurus Corporation, è tra le persone scomparse.
Al suo posto si presenta un collega di Dwala che scambia le sentinelle per degli investigatori e chiede il loro aiuto nello scoprire che fine abbiamo fatto le 12 persone scomparse.
I morph sono svaniti nel nulla e si sta diffondendo la paranoia che chi sviluppi un bernoccolo sulla testa sia destinato a scomparire. La Taurus è molto impegnata a mantenere la calma su Parvarti, dove i residenti iniziano a dare segni di impazienza e si stanno accorgendo del blocco delle comunicazioni e delle Ego Trasmissioni.

Il gruppo si divide. Delirio e Morgan si spacciano per due medici e scoprono che il bernoccolo è causato da un'emorragia provocata da delle nano macchine di scarsa qualità, le quali registrano degli XP (eXperience Player) all'insaputa dell'ospite. Questo però non spiega il motivo per cui i morph siano svaniti.
Nel frattempo, Jyrky e Philomel iniziano un'affannosa ricerca on line di tutti i dati possibili sulle vittime. Queste ai erano rivestiti recentemente in un nuovo morph (anche la Chatterjee), usando diverse compagnie di Ego trasmissione le quali, però, utilizzano tutte la stessa Body Bank.
La Dai Khan Enterprises è una piccola compagnia che fornisce la maggior parte dei morph di Parvarti e ha 3 dipendenti: un addetto alla sicurezza attualmente impegnato in sede, la titolare che sembra abbia un contatto tra i Nine Lives e un dipendente impegnato a giocare in un Casinò del Night Cartel e che ha grosso debito di denaro con un certo Blackvein, un uplifted del Night Cartel.

Le indagini proseguono ma le sentinelle hanno ora solo 2 ore prima che delle squadre del Consorzio Planetario e della Costellazione di Morningstar arrivino per indagare.

sabato 16 novembre 2013

Night Cartel

messaggio ricevuto da: Blackvein.the.uplifted@gmail.com


Consideralo un favore gratuito, ok?
Io appartengo alla famiglia del Night Cartel, per cui darti delle informazioni sull'organizzazione non mi costa nulla.
Non posso rivelarti informazioni confidenziali, ovviamente, ma posso dirti quello che cerchi.
La stazione principale del Nigh Cartel è New Sicily, nella fascia di asteroidi dopo Marte, comunemente chiamata La Fascia.
E ora un po' di storia:
Con il passare del tempo, l'affiliazione a uno dei numerosi habitat multi etnici rimpiazzò il concetto di etnia e nazionalità, nello stesso modo tradizioni ed eredità culturali svanirono gradualmente.
Molte organizzazioni criminali etniche pre Caduta formarono in principio un'alleanza per necessità, successivamente l'uploading e il rivestimento in morph abbatterono codici sociali e pregiudizi raziali. Progressivamente, dal punto di vista sia imprenditoriale sia criminale, il Night Cartel emerse dai resti delle organizzazioni criminali terrestri, fondendo le qualità migliori di ognuna di esse (mafia russa e italiana in primis, più altre organizzazioni simili). Sono escluse la Triade, che rimase se stessa, mentre le organizzazioni criminali sud americane formarono la Nine Lives.
Il Night Cartel detiene un legittimo stato di Ipercorporazione in alcuni habitat mentre lavora chiaramente al di fuori delle regole in altri, dove c'è più rispetto per la legge e la corruzione è meno diffusa.
Il Cartel è invischiato in numerose attività criminali: racket, estorsioni, rapimenti, sfruttamento della schiavitù di pod e prostituzione. Ci siamo anche adattati molto bene alle ultime tecnologie e ora il Night Cartel compete con la Triade nel campo degli stimolatori elettronici (i narco algoritmi), droghe e mercato pirata di nano fabbricatori. Come la Triade, il Night Cartel opera a volte attraverso delle Ipercorp legittime.
Di più non posso dirti.
Ciao

Blackvein,
Tiene il becco chiuso

venerdì 15 novembre 2013

Philomel

"Bots are a dolphin best friend!"

+Survival; +Thrill seeking; -Uplift slavery


Non racconto spesso la mia storia, quindi non mi prendo responsabilità se ti sembrerà noiosa. 
Non è che io sia riservato, nessun delfino lo è per natura, noi condividiamo sempre tutto a differenza di voi umani... Ma le circostanze mi hanno portato ad apprezzare il silenzio e dopotutto, anche se non fosse pericoloso per la mia libertà, che senso avrebbe sprecare del tempo a sguazzare in memorie sgradevoli quando ci sono tante cose più divertenti?
So chi sei-- chi siete... Mamma Reyes mi ha parlato di voi e se mi hai chiesto della mia storia penso di dovertela raccontare, perchè con tutta probabilità già ti sei informato e questa è una specie di prova di fiducia. D'accordo. Spero che non suoni noiosa, non mi piace l'idea di sembrare noioso.
L'ingeniere genetico che si è occupato della mia nascita era un intellettualoide del cazzo con la passione per uno scrittore morto l'Oceano solo sa quanti secoli prima della Caduta. Mi ha chiamato Philomel, anche se sono un maschio, non so se per ignoranza, disinteresse o aperta provocazione. Non so che senso abbia avuto darmi un nome così lungo, visto che nessuno lo usa mai tutto intero. Per lo più sono Phil, o Philo (Mamma Reyes mi chiamava Philo). All'inizio la Somatek mi sub-appaltava insieme ad una squadra di altri uplift a piccole o grandi imprese di recupero di relitti. Il mio era un lavoro semplice, entravo nei relitti con un sensore collegato ai miei occhi e trasmettevo le immagini di quello che vedevo agli esperti in recupero e demolizioni che stendevano una mappatura preliminare del relitto di turno. Dovevo solo nuotare dove loro mi dicevano di nuotare e se qualcosa mi sbarrava la strada ci pensava Mab ad aprirla. (Sì, Mab, come la regina, anche lui era vittima dello stesso ingeniere genetico, per questo tutto sommato siamo riusciti a legare. Avevamo qualcosa di cui lamentarci insieme.)
Mab era un neo-polipo con la tendenza a brontolare e lamentarsi. Mi piaceva punzecchiarlo e bulleggiarlo per gioco, a volte ignorarlo apposta. C'è da dire che quando nasci schiavo, un po' ti viene voglia di sopraffare qualcun altro, ma non l'ho mai fatto con vera cattiveria. Lo giuro. Volevo bene a Mab.
L'ultimo relitto su cui ho lavorato, non ricordo come si chiamasse (so che questo dettaglio probabilmente è tra quelli che più ti interessano, mi dispiace), era un nome in una lingua che non conosco e ben si adattava alla sua struttura per nulla convenzionale. Non assomigliava a nessuna nave cargo sulla quale avessi lavorato prima d'allora, lo si capiva anche se era veramente ridotta malissimo.
Non ricordo molto di quanto è accaduto, era stato Mab a... come dite voi? "Stabilire il contatto"? Ricordo però con estrema precisione il DOLORE. Giuro, se non avessi provato quel DOLORE i mesi successivi sarei anche potuto impazzire, ma sono stati niente in confronto a quello. Strappato, fatto a pezzi, invaso e rivoltato... voi lo chiamereste inferno (ci credete ancora, nell'inferno?), un tormento senza fine, come se qualcosa di estremamente innaturale cercasse di stipare secoli di sofferenze in un istante. Poi più niente e la prima cosa che ricordo dopo questo era il mio corpo su un tavolo di laboratorio della Somatek.
Non so che ne è stato del team a cui ci avevano appaltati, se quello che è successo in quel relitto ha avuto ripercussioni su di loro o se la Somatek (sempre vigile, sempre pronta a monitorare i suoi clienti tramite chip installati dentro di noi) non abbia voluto lasciare testimoni. So che sono spariti. So che nessuno ha indagato sulla cosa. 
So che a Mab è capitato quello che è capitato a me, solo.... molto di più. Non ha retto, la sua coscienza distrutta è stata dichiarata non recuperabile. Fa paura di questi tempi, eh?
Povero Mab, mentre il mio corpo e la mia mente venivano sottoposti a esperimenti e analisi dopo l'incidente mi capitava spesso di isolarmi in me stesso e ripensare al suo tono petulante e recriminatorio.
"Oh, certo, mandiamoci il povero Mab! Tanto lui di zampe ne ha otto!"
"No, figurati, non mi dispiace che tu mi abbia lasciato là sotto per ore, avrai avuto di sicuro altro da fare, cose importanti, non come me!"
"Grazie, davvero, grazie! Mi commuove tutta questa preoccupazione per me! Dopotutto è solo un condotto pericolante, che pericolo sarà mai, eh, Mel?"
(Mel. Era l'unico a chiamarmi Mel. Non mi sono mai comportato bene con Mab, ma ora capisco che lui era mio amico. L'unico che avessi. E' per questo che ho dato alla mia Musa il suo carattere e il suo nome. Mi fa sentire meno in colpa per quello che gli è successo. Anche la mia Musa mi chiama Mel.)
Non so quanto a lungo hanno approfondito le loro analisi e i loro test su di me, non conosco i risultati ottenuti, nè quelli che speravano di ottenere.

giovedì 14 novembre 2013

Jyrky Katainen

Jyrky Katainen

 
"Certo che posso aggiustarlo. Basta cancellare questi DRM ed installare del software libero creato su Titano."

- Hypercorp; + DIY; + Open Access


Ad appena 43 anni, Jyrky è uno dei pochi veterani, uno spacer la cui casa si trovava nello spazio da prima della Caduta. All'epoca era un giovane ingegnere in una squadra soccorso, specialisti a bordo di navette recupero pronti ad intervenire in situazioni d'emergenza.
La Caduta ha portato con sé più richieste di soccorso di quante Jyrky ed i suoi compagni potessero affrontare costringendoli ad assistere impotenti alla morte d'innumerevoli profughi. Come se non bastasse le direttive corporative davano priorità ai carichi VIP e alle risorse aziendali lasciando al loro destino le masse diseredate.
In seguito ad un ordine diretto dal Consortium la navetta di Jyrky è stata spedita su di un vascello in avaria con l'ordine di recuperare importanti dati di ricerca. La missione deve essere stata un fallimento perché il trasporto è andato distrutto e la navetta pesantemente danneggiata. Jyrky si è salvato grazie alla vasca medica di bordo ed è stato soccorso a distanza di mesi dallo sciame feccia The Stars our destination.

Il Consortium non ha mosso un dito per salvarlo. 

Tra i membri dello sciame Jyrky ha scoperto che un altro mondo è possibile, che la pietà per i fuggiaschi non significa debolezza e morte sicura e che il controllo oppressivo delle corporazioni non è una garanzia di sopravvivenza.
Cresciuto ed educato nel rigido mondo corporativo Jyrky non dimostra lo slancio edonistico necessario per appartenere a pieno titolo allo sciame, ciò nonostante si trova spesso a viaggiare in compagnia della Feccia sfruttando a loro vantaggio le sue abilità ingegneristiche nell'improvvisare riparazioni con qualunque cosa sia a portata di mano.
Ora Jyrky ha riparato la nave soccorso ribattezzandola Your Mom, con questa si dedica ad atti di pirateria informatica ed al contrabbando di prodotti regolamentati negli habitat del sistema interno. Nello sciame ha anche incontrato un compagno con il quale condividere il viaggio a bordo di Mamma e il risentimento verso il Consortium.
Firewall decise di contattare Jyrky a proposito della sua ultima missione, la nave sulla quale perse i suoi compagni conteneva quasi sicuramente reliquie TITANs, ad oggi non si sa ancora se queste fossero l'oggetto della missione o se la nave fosse stata infettata accidentalmente. Quel che è certo è che Jyrky non ricorda nulla di quel periodo e nemmeno sedute mirate di psicochirugia gli hanno permesso di apprendere particolari utili. 
Al tempo stesso disgustato dal Consortium e ansioso di scoprire cosa gli sia accaduto Jyrky si è unito al Firewall per il quale fornisce un efficace sistema di trasporto ed un abile supporto tecnico  informatico.

giovedì 7 novembre 2013

Bump in the night

messaggio ricevuto da: Proxy Striker

Decriptazione completata

Sentinelle,
dovete recarvi al più presto su Parvarti per incontrare Dwala Chatterjee, una dipendente della Taurus Corporation, la società privata che gestisce la sicurezza sulla città aerostato.
Dwala collabora con noi attraverso un'agenzia di investigazione che usiamo come copertura, non sospetta dell'esistenza del Firewall e deve restarne all'oscuro.
Ha richiesto l'intervento di una squadra di agenti ma non abbiamo notizie sul motivo di questa chiamata.
Attualmente le comunicazioni con Parvarti sono interrotte e non ne conosciamo le
cause. Sappiamo però che sia il Consorzio Planetario sia la Costellazione di Morningstar si stanno attivando per scoprire il motivo di questo silenzio.
Riusciremo a ego trasmettervi da Gerlach a Parvarti attraverso una body bank illegale gestita dalla IDCrew.
Incontratevi con la Chatterjee e aiutatela, il Firewall necessita che Dwala sia in debito con l'organizzazione.
Fine della trasmissione.

il messaggio si cancellerà tra 3 secondi
...2...
...1...
.......

lunedì 28 ottobre 2013

Venere, un bel posto dove vivere

messaggio ricevuto da: Jean.Baptiste.Zorg.III@gmail.com


Sì ho vissuto su Venere per un po'. Mi trasferii lì quando fuggii dalla Terra  e lì rimasi per 6 anni, fino alla decisione referendaria di dichiarazione di indipendenza dal Consorzio Planetario. Pensai che seguire il flusso degli affari fosse una buona ideae me ne andai su Marte. Si sta bene anche sul pianeta rosso, sai? Se escludi i barsomiani e la massa sferragliante, è un gran bel posto dove vivere.

Venere è il pianeta più simile alla Terra e allo stesso tempo il più alieno. Ha una gravità simile al nostro pianeta natale (0,88g) e tra i 50 e i 60km di altitudine ha anche una pressione e una temperatura simili.
Ci sono una ventina di città aerostato che galleggiano nella densa atmosfera e che si spostano grazie ai continui venti. Senza questa spinta extra, un giorno durerebbe come 243 giorni terrestri. Grazie ai venti, le città possono girare intorno al pianeta in soli 4 giorni terrestri. In questi aerostati galleggianti vivono ben 5 milioni di transumani e se si creasse una falla, ti basterebbe trattenere il fiato o usare un semplice respiratore per salvarti la vita, poichè a quelle altitudini l'atmosfera è composta al 98% di diossido di carbonio. Molto meglio dei problemi che avresti nel vuoto o qui su Marte. Io ci tengo a come mi vesto e odio le tute presurizzate, lo sai.

lunedì 21 ottobre 2013

Gerlach, porta di ingresso per Venere

Questo è un estratto del manuale per Eclipse Phase: Sunward  della Posthuman Studios, LLC

Sentinelle, la stazione da cui provenite è Gerlach. Questo luogo vi da accesso a tutti i background e fazioni disponibili. Di seguito c'è una succosa descrizione della stazione e della sua storia. Non è detto che siate nati qui ma di sicuro ora vivete in questo cilindro di O'Neill e lavorate per il Firewall.

Gerlach
Modello stazione: Cilindro di O'Neill
Alleanza: Indipendente
Lingue più diffuse: cantonese, inglese, polacco.
Gerlach è il tipico cilindro di O'Neill. Ha un diametro di 1 km, una lunghezza di 4 km e una popolazione di quasi 120.000 individui. E' lo spazioporto principale per gli spostamenti da e per Venere ed è inoltre l'habitat più vecchio ancora in funzione intorno quel pianeta. Inizialmente era più piccolo e fu costruito come base permanente per ricerche sull'atmosfera venusiana e punto di costruzione per altri habitat e aerostati (ed eventualmente per terraformare Venere).
L'interno della stazione è stato occupato da molte arcologie dalla grossolana forma piramidale, ciascuna alta 250m e larga 900 alla base. Incastonate tra le enormi acrologie ci sono dozzine di piccole bioriserve che, insieme, contengono una grande diversità di vita terrestre in una buona approssimazione del loro habitat naturale. Queste riserve servirono come simbolo per lo sforzo proposto di terraformazione. I costruttori promisero che i discendenti delle piante e degli animali su Gerlach avrebbero aventualmente vissuto sulla superficie venusiana.
Lo scopo di Gerlach campiò drasticamente a causa della Caduta, quando la stazione fu invasa da rifugiati.

venerdì 18 ottobre 2013

AI, Muse, AGI, Seed AI e Infomorph.

Questo è un estratto dal manuale base di Eclipse Phase della Posthuman Studios, LLC

In Eclipse Phase non esiste un solo tipo di Intelligenza Artificiale, ecco una breve descrizione di I.A., AGI, Seed I.A. e Infomorph (che non sono proprio delle I.A.)

Intelligenze Artificiali
Quelle che vengono comunemente chiamate I.A. sono programmi esperti con capacità di elaborazione uguale o superiore a quella umana. Solitamente sono coscienti e consapevoli di sé ma possono essere a malapena considerate sapiens e la programmazione emotiva è nulla se non completamente assente. Hanno abilità limitate e di solito vengono utilizzate per mansioni specifiche, come ad esempio pilotare un veicolo o un piccolo androide. Sono programmate con limiti di sicurezza e devono obbedire e servire (e devono rispettare la legge). Non sono dotate di iniziativa o interessi personali, sono amichevoli con gli umani e sono considerate generalmente degli oggetti o proprietà prive di diritti.

Muse
Le Muse sono IA create per essere un compagno personale. Molti umani hanno una Musa installata in un micro computer all'interno del cervello (il Mesh Insert). Hanno una programmazione emotiva e psicologica superiore alle normali IA e nel tempo costruiscono un complesso database con i gusti e le preferenze dell'utente. Di solito hanno un nome e si occupano dei contatti locali dei social network, delle comunicazioni e della ricerca di informazioni in rete.

martedì 15 ottobre 2013

Parvarti, un habitat dove soddisfare i tuoi desideri

Questo è un estratto dal manuale Sunward, the Inner System della Posthuman Studios, LLC

Parvarti

Affiliazione: indipendente
Lingue più diffuse: inglese, farsi, giapponese

Parvarti è uno dei due aerostati indipendenti di Venere ed è pubblicizzato come il luogo dove i sogni diventano realtà. E' conosciuto per la sua reputazione un po' squllida di club per scambisti del Sistema Interno o habitat a luci rosse dove poter soddisfare ogni tipo di fantasia, perversione o capriccio sessuale, il tutto nella massima riservatezza. L'habitat offre una vasta gamma di stazioni di villeggiatura e di servizi per adulti: spa, cloud diving (paracadutismo estremo tra le nuvole di Venere), gioco d'azzardo, partners su misura, doll house, robot sessuali, spazi per sesso virtuale esotico, prostituzione di neotenic (morph con l'aspetto di bambini), distribuzione di XP porno, orge di massa anonime, ecc.. ecc..
Alle persone che vogliono di più, agenti del mercato nero e grigio offrono servizi ancora più perversi: vestizione in animali, biforcazioni illegali per sesso con se stesi, snuff XP, scenari di
violenza non simulata e molto peggio. Parvarti è in parte bordello, in parte baccanale non stop, in parte negozio che vende merci proibite.

martedì 24 settembre 2013

Una lunga pausa...

E' passato molto tempo dall'ultima volta che ho giocato ad Eclipse Phase ma non mi sono fermato come Master.
Sto leggendo Transhuman, il nuovo manuale del giocatore, e sono in trepidante attesa di ricevere le due avventure extra guadagnate attraverso Kickstarter, oltre alle schede per i morph (ho visto le nuove immagini e sono superlative).
Io nel frattempo ho scritto 4 avventure, ne ho completata solo 1 che però, tanto per cambiare, non mi soddisfa. :-\
Oltre a questo, sto sbobinando Know Evil
http://actualplay.roleplayingpublicradio.com/know-evil-an-eclipse-phase-campaign/
Know Evil è una campagna in 27 episodi scritta e masterizzata da Caleb Stokes (che ora sta scrivendo The Devotees, nuova avventura per EP che dovrei ricevere entro la fine dell'anno).
Capire cosa si dicono i vari giocatori non è facile, nonostante possa chiedere  aiuto a una madrelingua inglese. La storia è ben strutturata e molto complessa ma non posso fare anticipazioni.
Stokes è riuscito a mettere tutta l'essenza di Eclipse Phase all'interno di questa campagna che alla fine svela i segreti e i retroscena del background.
Chi la gioca, si brucia completamente le future avventure...

Cosa accadrà ai miei attuali giocatori?
Prima dobbiamo finire un'avventura a Inquisitor e poi, speriamo, una a Cthulhu.
A questo punto potrò far giocare Glory, avventura scritta da Jack Graham, uno degli ideatori del gioco.
Stay Tuned

lunedì 24 giugno 2013

Continuity: the end?

Continuity è un'avventura della Posthuman Studios
Venerdì notte ho fatto da Master a un gruppo di amici che hanno voluto provare Eclipse Phase. In principio i giocatori erano 4, poi, incuriosito dall'introduzione, se ne è aggiunto un quinto.
Dei personaggi già pronti, ho escluso l'Ego Hunter. Troppo complesso da spiegare per via dei poteri mentali e del morph futura.
L'avventura è piaciuta, in special modo l'incipit e il fatto che due personaggi non fossero umani "normali" (c'erano una scienziata scimpanzè evoluta e un tecnico sintetico aracnoide).

Il pezzo che segue contiene degli spoiler, per cui se non hai ancora giocato questa avventura, non leggere oltre...
Sappi che Continuity è uno scenario da una serata (4 ore circa) ed è proprio fatto bene.

giovedì 20 giugno 2013

Continuity

Da giovedì 20 a domenica 23 giugno sarò alla Marziacon, una convention di gioco, grigliate, birra e ancora gioco con una trentina di amici (e figli vari).
A questa 12° edizione ho deciso di portare un'avventura di Eclipse Phase: Continuity 
Questa avventura è stata pensata proprio per una convention e contiene alcuni degli elementi caratteristici dell'ambientazione di EP: resleeving, TITAN, exurgent virus, evoluti, corpi robot e tanto stress mentale.
L'avventura coinvolge dai 4 ai 6 personaggi che si risvegliano in una claustrofobica stazione nello spazio profondo, la Keplero. L'ultima cosa che ricordano è un back-up risalente a 2 settimane prima, fatto prima di abbordare una vecchia nave in avaria e in rotta di avvicinamento alla Keplero.
Continuity è, secondo me, difficilmente inseribile in una campagna ma come one shot per giocatori a digiuno di EP è ottima.
Il modulo viene fornito con la voce della IA della Keplero in formato file audio: Mi sono divertito a creare tali file in italiano, modificando la mia voce e inserendo del rumore "rosa" (e io che credevo esistesse solo quello bianco...)
Se vi interessano questi file, li potete scaricare liberamente da qui:
https://skydrive.live.com/redir?resid=AE38764712063280!1366&authkey=!AOFL8GTZJQ0nVjk

mercoledì 12 giugno 2013

Droghe: esempi di Petals

Questi esempi di Petals sono stati copiati (e tradotti) da dei post sul forum di Eclipse Phase della Posthuman Studios. Il forum della community è uno spasso :-)
immagine della Mad Vision Media

La fine è vicina!
L'utente pensa immediatamente che la fine di tutto sia a portata di mano e che ci restino solo una dozzina di ore. Questa sensazione è simile a una visione divina e si arricchisce di notizie false trasmesse in streaming dai server dei Petals. In ogni caso l'utente crede fermamente che questi siano i suoi ultimi istanti. Anche se questo probabilmente renderebbe tutti tristi e disperati, il Petalo è stato progettato per dare all'utente una sensazione positiva e la maggior parte delle persone fanno allegramente quello che hanno sempre voluto fare prima della fine.
Dolcetto: un progetto per un sandwich con il testo "la fine è vicina!" su di esso.

Verde
Una volta preso il Petalo,  l'utente sperimenta una mite felicità, calma e rilassatezza. Lo stress quotidiano sembra essere lontano e i rumori sono più bassi. L'aria comincia farsi fresca e tutto diventa un po' più leggero. Dopo un po', piccole piante appaiono qua e là. In un primo momento si nota solo muschio, erba e piccoli fiori, poi fogliame a terra, piccoli rami, farfalle, cespugli e, infine, alberi, rocce, corsi d'acqua e  uccelli che volano, il tutto mescolato con l'aspetto normale dell'habitat. Chi usa questi Petals ritiene che questi oggetti esistano davvero e si immerge nel paesaggio. Vagando, ben presto scoprirà luoghi in cui l'erba è gialla e gli alberi sono senza foglie ma alcuni fiori non aperti crescono nascosti da qualche parte. Se li toccano, questi si aprono e ne appaiono di nuovi fino a quando, improvvisamente, tutto diventa di nuovo verde e a volte appaiono dei sentieri che conducono a nuove aree del viaggio. Se si trasforma una zona in area verde nel momento e modo giusto, possono essere ritrovati dei dolcetti.
Dolcetti: Realtà Aumentata con alcune piante qua e là e un odore fresco nell'aria.

venerdì 7 giugno 2013

Droghe in Eclipse Phase: Petals

Questo è un estratto dal manuale basi di Eclipse Phase della Posthuman Studios


immagine dal blog: 
Trashy Wench: The Queen of Creative Reuse

Petali (Petals) è un termine usato per definire una droga del tipo “allucinogeno narrativo”, una nanodroga che dirotta i sensi e porta il consumatore in un viaggio altamente coinvolgente e simile a un gioco. I Petals sono conosciuti con una miriade di nomi intriganti (Mano Dimenticata, Darkly Selving, Verde Curioso, solo per citarne alcuni). I Petali sono l’eroina della società post Caduta, la droga scelta da disperati e scoppiati. I Petali quasi sempre appaiono come fiori nano farmaceutici, in un vaso o con una sostanza nutritiva attaccata al gambo.
Togliendo un petalo e deglutendolo, si attivano immediatamente gli effetti della nanodroga.
I fiori hanno solitamente da 5 a 10 Petali.
Più consumatori possono condividere l'esperienza se assumono i Petali entro 1 minuto dal primo, dopo questo lasso di tempo i Petali restanti sul fiore diventano inerti e di un bianco traslucido. L’esperienza dei Petali è come giocare uno scenario intimista dentro sé stessi. Alcune esperienze si svolgono interamente nell’Inserto di Rete (l'utente deve cedere il controllo dei suoi innesti volontariamente, se non lo fa, il farmaco il solo effetto di produrre allucinazioni simil al LSD, in grafica aumentata ma a risoluzione molto bassa). I Petals prendendo il controllo del display entoptico del personaggio, si collegano a server in aree segrete della rete e ad altri drogati in trip, invadendo i sensi del personaggio con "allucinazioni" AR. Altri Petals mandano chi li usa in un stato quasi comatoso, durante il quale hanno un trip mentale.
che dirotta i sensi e porta il consumatore in un viaggio altamente coinvolgente e simile a un gioco. I Petals sono conosciuti con una miriade di nomi intriganti (Mano Dimenticata, Darkly Selving, Verde Curioso, solo per citarne alcuni). I Petali sono l’eroina della società post Caduta, la droga scelta da disperati e scoppiati. I Petali quasi sempre appaiono come fiori nano farmaceutici, in un vaso o con una sostanza nutritiva attaccata al gambo.